Incontri tra i Monti


3
3
1153
 Ostacolati dal quotidiano e dalla distanza è sempre difficile organizzare una fuga verso la tranquillità e meraviglia di qualche monte o valle. Già riuscirci è di per se cosa appagante. Lungo il tragitto, tra fiori e panorami, non posso però nascondere di portarmi quella costante attesa di scorgere una presenza all’orizzonte. Banale o singolare, l’incontro con qualche inconsapevole amico di viaggio regala sempre momenti di allegria e in certi casi dei ricordi unici.

Commenti

mariolu sonzogni 3 anni, 5 mesi

bellissime foto complimenti!!! ho chiesto anch'io al mio esperto... delle vipere ero sicuro che non lo fossero e infatti sono natrici tessellate, secondo me in accoppiamento, quello più chiaro (giallognolo) rivolto verso il fotografo dovrebbe essere un maschio e le altre due femmine decisamente più grosse. Ermellino (ha la parte finale della coda nera, mai presente nella donnola) ciao

  • Adriano Selleri 3 anni, 5 mesi

    Era circa metà Giugno, quindi in pieno periodo di accoppiamento. Un grazie doppio... anche per l'esperto. Ciao.

  • Valeria Carrara 3 anni, 5 mesi

    Bello, i serpentelli sono vipere? La seconda è una faina? Grazie..

  • Adriano Selleri 3 anni, 5 mesi

    Non sono molto esperto ma i serpentelli dovrebbero essere delle natrici tassellate mentre il Mustelide dovrebbe essere un ermellino. Ciao.

  • Emanuele Musitelli 3 anni, 5 mesi

    Bella gallery oltre che ad una ottima introduzione che condivido .La vipera i cervi e la donnola dove li hai fotografati ?? ciao

  • Adriano Selleri 3 anni, 5 mesi

    Ringraziandoti per l'apprezzamento posso dirti che i cervi li abbiamo trovati in un avvallamento lungo il sentiero dell'Asino in Valgrande (Vezza D'Oglio), che collega il bivacco Saverio Occhi con la Val Bighera attraversando il Corno Tremoncelli e i Laghi Seroti. Per quanto riguarda i serpenti dovrebbero essere delle natrici tassellate e le abbiamo trovate riunite in gruppo (30/40 esemplari) aggrovigliate sopra un cespuglio lungo il sentiero dei pescatori che costeggia il lago di Levico, poco distante da Trento. La Donnola invece dovrebbe essere un Ermellino, riconoscibile dalla parte terminale della coda di colore scuro e dalla quota (2650mt circa). L'abbiamo visto sbucare incuriosito tra le rocce nei pressi del bivacco Davide poco sopra il Passo del Torsoleto. Ciao.