Scialpinismo: periplo del monte Ferrante

0
0
2201

Partiamo da Colere  e seguiamo la stradina che da Carbonera porta al Polzone. La lasciamo alla quota di 1400 metri circa e seguiamo il sentiero che si inoltra nel bosco verso il rifugio Albani. Salita verso gli edifici delle vecchie miniere al cospetto della Nord della Presolana . Raggiungiamo il vicino rifugio Albani proprio al sorgere del sole dalle creste della Presolana .

Ci dirigiamo verso la cima bianca, con all’orizzonte il monte Ferrante, che sarà la metà finale da raggiungere.

Attraversiamo la caratteristica zona del mare in burrasca , transitiamo quindi dal passo scagnello  e poco dopo raggiungiamo la cima Bianca, termine della prima salita. Discesa in Valconchetta , quindi ripellata per salire verso il passo di Vigna Vaga .

Si prosegue in direzione della bocchetta di Fontanamora , che raggiungiamo dopo un delicato traverso sul pendio meridionale della cima di Fontanamora. Ci troviamo di fronte alla Valle scura  dominata dal severo versante nord del Ferrante .

Scendiamo fino alla quota di circa 1400 mt ad incrociare la stradina che sale verso la baita di Pagherola. Rimettiamo le pelli e proseguiamo in direzione della baita Pagherola alta , poi per i pendii aperti in direzione della cima Bianca , con la parete Nord Ovest della Presolana e le creste di Valzurio di fronte a noi. 

Vista che ci accompagnerà fin sulla vetta del Ferrante . Discesona fantastica fino a Colere che completa questo bellissimo giro ad anello intorno al monte Ferrante.