Articolo

IL BUSINESS DEI CAVALLETTI DA PESCA DETURPA IL LAGO DI COMO

02 Maggio 2013 / 14:13
0
0
491
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

IL BUSINESS DEI CAVALLETTI DA PESCA DETURPA IL LAGO DI COMO

02 Maggio 2013/ 14:13
0
0
491
Scritto da Redazione Orobie

Lungo le coste del lago di Como si moltiplicano i cavalletti per la pesca all'agone. Presenze consuete per queste zone, ma negli ultimi anni i tradizionali cavalletti in legno, che venivano smantellati alla fine della stagione di pesca, sono sostituiti sempre più spesso da strutture in metallo, cementati al suolo per renderli fissi.

La pesca all'agone da tradizione si sta trasformando in business - gridano allarmati i residenti - soprattutto lungo la sponda occidentale, da Menaggio a Cremia. I cavalletti vengono costruiti in serie per essere affittati, ma rischiano di deturpare il paesaggio.

Da più parti si chiede l'intervento dei comuni, per regolamentare la pesca e le modalità di utilizzo dei cavalletti, senza penalizzare un'attività che è caratteristica di questo territorio.

Secondo la tradizione lariana, l'agone - pescato tra giugno e luglio - viene essiccato per diventare missoltino, specialità che sta per entrare nei presidi Slow Food.