Articolo

NIDIATE DI CIGNO A RISCHIO NELL’ALTO LARIO

06 Maggio 2013 / 11:20
0
0
334
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

NIDIATE DI CIGNO A RISCHIO NELL’ALTO LARIO

06 Maggio 2013/ 11:20
0
0
334
Scritto da Redazione Orobie
Nessun lieto fine da fiaba per i ‹‹brutti anatroccoli›› che dovrebbero nascere dalla covata di Camillo e Camilla, la coppia di cigni più famosa del Lago di Como. Le uova infatti, secondo gli esperti, sarebbero ormai compromesse, dopo che mamma cigno si è allontanata dal nido per un paio di giorni, lasciando che diventassero fredde. La vicenda ha inizio quando sul lago si è abbattuto il maltempo, che ha provocato l’innalzamento delle acque, trascinando così il nido con le sei uova a mollo. Prontamente i volontari, già sul posto per costruire barriere protettive per aiutare la coppia di cigni nella cova, hanno tratto in salvo il nido riposizionandolo sulla terra ferma. A causa del contatto umano con le uova però mamma Camilla è rimasta a distanza, tornando a covare le uova troppo tardi. Sorte analoga è toccata anche ai nidi di cigno nel canneto della riserva Pian di Spagna. Purtroppo però non solo la natura si abbatte inclemente sul buon esito della cova, con clima avverso o predatori in agguato; si sono registrati anche casi di piccoli uccisi da vandali malintenzionati.