Articolo

IN VIAGGIO SULLE OROBIE. SI PARTE

10 Luglio 2013 / 13:32
0
0
288
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

IN VIAGGIO SULLE OROBIE. SI PARTE

10 Luglio 2013/ 13:32
0
0
288
Scritto da Redazione Orobie

Si parte. Giovedì mattina 11 luglio alle 8,30 il «viaggio sulle Orobie» prenderà il via dal Palamonti. E il luogo ovviamente non è casuale. La sede del Cai a Bergamo è conosciuta anche come la casa della montagna in città e per un'iniziativa come quella organizzata dal mensile Orobie - che si propone di far conoscere le montagne in maniera diversa, ma anche di aggregare raggiungendo un pubblico molto eterogeneo - non poteva esserci una partenza più adeguata.

Del resto l'evento è stato presentato proprio qui, nell'edificio antistante quel piazzale che da un paio di settimane porta ufficialmente il nome di Walter Bonatti, grande alpinista, ma anche esploratore in grado di guardare al mondo con occhi sempre curiosi e lontani dal conformismo.

«Così come facciamo ormai da quasi 25 anni - ha sottolineato Pino Capellini, direttore della rivista che ha promosso l'iniziativa sotto il cappello di Orizzonte Orobie e con il fondamentale contributo di Italcementi group e Fondazione Credito bergamasco -. Il viaggio, che toccherà i primi quattro rifugi del sentiero delle Orobie (Alpe Corte, Laghi Gemelli, Calvi e Brunone, ndr), si propone di far conoscere il territorio con uno sguardo diverso e da diverse prospettive. Un modo per coglierne la ricchezza, ma anche per prendere in considerazione una fruizione della montagna più dolce e a 360 gradi».

Giovedì mattina al Palamonti si ritroveranno così in dieci: il grande alpinista Mario Curnis, il giovanissimo collega Paolo Grisa, il musicista e suonatore di corno Martin Mayes, il fotografo Matteo Zanga, la scalatrice Marta Cassin, nipote del grande Riccardo, la regista Paola Nessi, lo scrittore Ruggero Meles, l'artista Silvio Combi, lo chef Michele Sana e naturalmente un «capo spedizione», Paolo Valoti presidente dell'Unione Bergamasca Cai e consigliere nazionale del sodalizio.

Al rifugio Calvi si aggregherà anche il geografo e illustratore Albano Marcarini che, pur avendo aderito all'iniziativa, potrà presenziare solo a una tappa a causa dei postumi di un incidente. Forfait invece per il giornalista Leonardo Bizzaro che, per motivi familiari, non potrà essere della partita.

Quattro giorni, quattro rifugi. Il viaggio sulle Orobie parte giovedì da Valcanale e, dopo aver superato l'Alpe Corte, arriverà nel pomeriggio al Laghi Gemelli; il giorno dopo faranno tappa al Calvi, mentre l'arrivo al Brunone è previsto sabato. In ciascun rifugio il programma prevede incontri ed eventi. Tra i tanti, ricordiamo, giovedì i sera al Laghi Gemelli, il ricordo e l'omaggio a Mario Merelli cui il viaggio è dedicato; l'incontro con Mario Curnis e il giovane Paolo Grisa sabato sera al Brunone, mentre l'intervento di Albano Marcarini, inizialmente programmato per sabato, verrà anticipato al pomeriggio di venerdì al rifugio Calvi. Domenica l'ascensione al Redorta. Durante l'escursione, inoltre, Silvio Combi presenterà tre opere allestite lungo il percorso, mentre lo chef Michele Sana cucinerà un piatto per ogni rifugio: risotto al timo al Laghi Gemelli, polenta e ciareghì al Calvi e zuppa di funghi al Brunone.

Quanti intendono partecipare potranno farlo prenotandosi nelle tre strutture dove la «spedizione» farà tappa: Laghi Gemelli (0345.71212), Calvi (0345.77047), Brunone (0346.41235).