Articolo

IL MISTERO DEL "PRIGIONIERO" DEL GHIACCIAIO DELLO SCERSCEN

06 Ottobre 2014 / 15:50
0
0
464
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

IL MISTERO DEL "PRIGIONIERO" DEL GHIACCIAIO DELLO SCERSCEN

06 Ottobre 2014/ 15:50
0
0
464
Scritto da Redazione Orobie

Sono mummificati i resti umani trovati nei giorni scorsi da un escursionista nel ghiacciaio dello Scerscen, sopra il rifugio Marinelli-Bombardieri. Si tratterebbe di un uomo morto molti anni fa in un incidente in montagna.

 

Il ritrovamento 

A guidare il testimone verso quello che si sarebbe poi rivelato un corpo mummificato ancora in ottimo stato di conservazione, è stato il suo cane. Roberto Ciapponi, 41 anni, ha notato infatti che il setter che lo accompagnava, continuava a girare attorno a un punto preciso. Dal ghiaccio ermergeva il cranio di un uomo. Si vedevano anche alcuni oggetti, tra i quali una specie di portafoglio con dentro franchi svizzeri datati 1910 e 1921. Il "progioniero" del ghiacciaio potrebbe essere dunque un escursionista svizzero, precipitato in una fenditura del ghiacciaio, nel periodo attorno alla Seconda guerra mondiale.

 

Il recupero

Il recupero del corpo per ora non è stato possibile a causa delle condizioni meteo (il luogo del ritrovamento è a quota 3.000 metri). L'elicottero si alzerà in volo appena possibile.  Si potrà così sapere di più sull'uomo intrappolato nel ghiaccio e forse dargli un nome.