Articolo

LA PRIMAVERA DI OROBIE SUL NUMERO DI APRILE

25 Marzo 2016 / 14:50
0
0
493
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

LA PRIMAVERA DI OROBIE SUL NUMERO DI APRILE

25 Marzo 2016/ 14:50
0
0
493
Scritto da Redazione Orobie

Con le incantevoli immagini della fioritura di ciliegi in Lombardia Orobie di aprile saluta il ritorno della bella stagione. E' il momento in cui non esplodono soltanto i colori della primavera, ma anche la voglia di escursioni e passeggiate nella natura che si risveglia.

Il nuovo numero di Orobie vi offre nuovi spunti e suggerimenti. Una passeggiata naturalistica ad esempio, seguendo l'esempio di Baldovino Midali, il panettiere fotografo di Branzi: una volta finito il lavoro nel suo forno, trascorre ore nei boschi della Valle Brembana osservando gli animali selvatici.  Per realizzare i suoi scatti e i filmati si mimetizza nell'ambiente con speciali mascheramenti. Il fotografo Matteo Zanga lo ha seguito in una giornata di appostamenti.

Fabrizio Pavesi ha raggiunto invece le sponde dell’Oglio per mostrare come con poco si possa compiere una bella gita lungo il fiume, immersi nella natura. Bastano un robusto gommone e un bravo accompagnatore per compiere questo inconsueto viaggio nel cuore del parco dell’Oglio

Un altro itinerario ci porta dritti sulla cima del Crocione, massiccia montagna che sale direttamente dal lago di Como. E' la nostra "Montagna segreta" di aprile  con i suoi numerosi sentieri per escursionisti esperti, ma anche per famiglie.

C'è ancora spazio poi per lo scialpinismo. Il 16 aprile si rinnoverà l'appuntamento con il Trofeo Parravicini, quest’anno alla 67.a edizione. Ce lo racconta la guida alpina Miki Oprandi, uno dei protagonisti e pionieri di questa storica gara. Emilio Previtali, nota firma di Orobie, racconta come ha conosciuto Miki e come lo scialpinismo si è evoluto.

Parliamo inoltre di un'altra gara, del tutto diversa: la "Valtellina vertical tube", che si svolge a fianco della condotta della centrale Enel di Montagna. Si salgono 2.700 scalini di corsa. Dicono che sia la più dura al mondo.