Articolo

Il falco pellegrino sta covando in valle Bova

27 Marzo 2017 / 14:58
0
0
1516
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Il falco pellegrino sta covando in valle Bova

27 Marzo 2017/ 14:58
0
0
1516
Scritto da Redazione Orobie

Il falco pellegrino è tornato a costruire il suo nido e a deporre le uova nella Riserva naturale regionale valle Bova, a Erba (Como). Una presenza che non è nuova sulle montagne erbesi e subito sono scattate le misure per garantire la tranquillità al falco impegnato nella nidificazione. La zona è quella della falesia del Buco di Piombo, su una cengia della  della “Via dei Quarantenni”. Per questa ragione la Riserva, d’intesa con il settore della Provincia di Como responsabile della vigilanza venatoria che ha accertato la presenza del falco e di tre uova nel nido, ha emanato un’ordinanza a “tutela dei siti di nidificazione fauna selvatica falco pellegrino (falco peregrinus)”.

L’arrampicata è vietata nel settore di parete posto a nord della cascata della val Caino, dove le vie più note sono le seguenti: via Leoni, via della Poiana, via Schiera-Merazzi-Colico, via Amazon Riders e via dei Quarantenni. Ma l’ordinanza, in vigore fino al 30 giugno, aggiunge che “è assolutamente vietata ogni possibilità di accedere, arrampicare, risalire e discendere in qualsiasi modo o tecnica sulle pareti e per l’intero settore di falesia compreso tra la cascata della valle del Caino e la scala di legno; nello specifico la frequentazione e l’arrampicata” sulle vie già indicate, “oltre a tutte le vie non autorizzate dall’ente gestore”. 

E ancora: “Sono vietati in tutto il territorio lungo il percorso del torrente Bova compreso dalla val da Puzzoò e dal limite nord del Campirone (S. Salvatore) fino all’isoipsa 800 mt. s. l. m., schiamazzi e tutti i rumori eccedenti i 50 dba diurni e i 40 dba notturni oltre al sorvolo con velivoli di qualsiasi tipo, a eccezione di quelli predisposti al soccorso e pubblica utilità in attuazioni di eventuali, indispensabili e comprovati interventi in zona”. Nell’area è vietato il transito a ogni veicolo a motore sulla strada forestale. Della disposizione sono stati avvisati i gruppi alpinistici e le associazioni operanti a Erba e limitrofi. Ogni infrazione all’ordinanza sarà punita con ammende da 500 a 5.000 euro.

Correlati

Arrapicata, una giornata sulla falesia Roby Piantoni

Arrapicata, una giornata sulla falesia R...

Imparare ad arrampicare su una delle falesie più amate della bergamasca. La proposta viene da ClimBerg.Una prova di arrampicata sportiva outdoor, pensata soprattutto per ...

Evento
Scala di ferro in valle Bova di nuovo praticabile

Scala di ferro in valle Bova di nuovo pr...

Buone notizie per gli escursionisti che frequentano il Triangolo Lariano. Sono stati portati a termine i lavori di rifacimento del basamento della scala di ferro ...

Articolo
Morta Luce Douady, giovane campionessa di arrampicata sportiva

Morta Luce Douady, giovane campionessa d...

La climber francese Luce Douady, di soli 16 anni, è morta precipitando per 150 metri, sulle montagne dell’Isère. Il drammatico incidente è avvenuto domenica ...

Articolo
Corso di arrampicata per bambini in Valmasino

Corso di arrampicata per bambini in Valm...

Tutti i martedì e giovedì di giugno lezioni di arrampicata con le Guide Alpine per bambini e ragazzi dai 6 ai 20 anni. L'iniziativa ...

Evento