Articolo

A Nives Meroi gli applausi di Lecco

25 Maggio 2017 / 12:30
0
0
901
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

A Nives Meroi gli applausi di Lecco

25 Maggio 2017/ 12:30
0
0
901
Scritto da Redazione Orobie

L’alpinista reduce con il marito del successo sull’Annapurna, il loro 14° Ottomila, ha partecipato al ciclo “Periferie” promosso dal quotidiano La Provincia. Confronto con il filoso Adriano Pessina

Dopo la vetta dell’Annapurna, il suo quattordicesimo Ottomila conquistato insieme al marito Romano Benet, per l’alpinista Nives Meroi gli applausi del pubblico di Lecco. In tanti hanno partecipato mercoledì sera al Teatro della Società all’incontro con Meroi e il filosofo Adriano Pessina. La serata rientrava nel ciclo delle Primavere, proposte dal quotidiano La Provincia, e aveva un titolo estremamente stimolante: “L’universo non ha un centro. Viaggio verso le periferie del mondo e di noi stessi”.

A tu per tu con il filosofo

Tema di grande interesse se a trattarlo è un’alpinista appena rientrata da Katmandu, in Nepal, dove giovedì 11 maggio ha appunto raggiunto, insieme al marito, la vetta dell’Annapurna, completando così tutte le quattordici vette sopra gli ottomila metri nel mondo. Accanto a lei, al Teatro della Società di Lecco c’era Adriano Pessina, un filosofo per il quale il limite morale in noi è la misura della nostra umanità. La serata ha preso avvio con le immagini della penultima impresa di Meroi e Benet, quella sul Makalu, portata a termine nel maggio del 2016. Introdotti da Diego Minonzio, direttore della Provincia, e da Vittorio Colombo, responsabile dell’edizione lecchese del quotidiano, hanno poi preso la parola i due protagonisti della serata. 

"Annapurna, montagna pericolosa"

Nives Meroi, accolta da un lunghissimo applauso ha parlato subito della sua ultima impresa: “Ogni montagna ha la sua storia ma questa è stata particolare perché l’Annapurna è estremamente pericolosa. Ci siamo ritrovati ai piedi della montagna in sole sei persone e l’abbiamo risalita in stile alpino, proprio come un tempo. Fino a pochi metri dalla cima non siamo stati sicuri di farcela. Il tempo era ballerino e gli accumuli di neve erano pericolosi. L’incertezza c’è stata fino alla fine. Siamo arrivati in cima ma la concentrazione doveva rimanere alta perché c’è anche la discesa. In cima agli ottomila non mi sono ma sentita onnipotente, caso mai un pacificato senso di appartenenza”.

L'uomo e la montagna

Il filosofo Pessina ha poi affrontato i motivi che possono spingere l’uomo verso la montagna: “Quando si parla di montagna mi viene spontaneo pensare come sia sempre legata al cambiamento. Penso alla montagna di Mosé, a quella del Golgota, alla montagna del discorso delle Beatitudini. Si potrebbe fare una riflessione su come la montagna abbia giocato un ruolo fondamentale nella nostra cultura. Papa Francesco mettendo al centro del nostro mondo le periferie, le ha in un certo senso sdoganate elevandole alla dignità delle alte vette”. Cos’è il limite per Nives Meroi? «Per me – ha detto l’alpinista – è un punto a cui arrivare per spostarlo più in là. In alta quota è importante ascoltare i segnali del corpo, che ti dice quando è il momento di tornare indietro. Quanto alla malattia anch’io e mio marito ne abbiamo affrontato una molto grave. E lì è stato fondamentale quello che abbiamo imparato in montagna. Quello è stato il nostro quindicesimo ottomila».

Correlati

Nives Meroi e Romano Benet a Crocevia. L'intervista

Nives Meroi e Romano Benet a "Crocevia"....

Nives Meroi e Romano Benet protagonisti della seconda tappa di "Crocevia. Sentieri e autori che si incontrano", la rassegna organizzata dal mensile Orobie.L'incontro ...

Articolo
Nives Meroi a Lecco con Crocevia

Nives Meroi a Lecco con Crocevia

Secondo appuntamento, venerdì 30 agosto 2019, con la rassegna di Orobie dedicata a «Sentieri e autori che si incontrano». Allo Spazio Oto Lab ingresso gratuito ...

Evento
Simone Moro a Lecco per Le Primavere

Simone Moro a Lecco per "Le Primavere"

Giovedì sera alla Camera di Commercio di Lecco incontro con l'alpinista Simone Moro nell'ambito de "Le Primavere".L'alpinista bergamasco Simone Moro al ...

Evento
Le Primavere nel segno del genio e dell'invenzione

Le Primavere nel segno del genio e dell'...

Il 25 marzo si apre la nona edizione de "Le Primavere", rassegna promossa dal quotidiano La Provincia. Eventi fino a giugno nel segno del genio ...

Articolo