Articolo

Nanga Parbat, timori per Daniele Nardi e Tom Ballard

27 Febbraio 2019 / 15:00
0
3
2410
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Nanga Parbat, timori per Daniele Nardi e Tom Ballard

27 Febbraio 2019/ 15:00
0
3
2410
Scritto da Redazione Orobie

Cresce la preoccupazione per Daniele Nardi e Tom Ballard, dei quali non si hanno notizie da domenica.

Nel primo pomeriggio di oggi, l'ultimo aggiornamento da parte dello staff di Daniele Nardi. "Questa mattina alle ore 6.30 c’è stato il primo collegamento con il campo base che dopo aver osservato attentamente il percorso e le possibili vie di fuga, come la discesa dalla via Kinshofer, ha escluso la presenza di alpinisti in movimento, le osservazioni sono mantenute costanti." 

Nel post dello staff sulla pagina Facebook di Nardi, viene spiegato che è stato chiesto l'intervento di un elicottero per perlustrare la montagnaLa sua agenzia, in collaborazione con Evk2CNR Pk, ha attivato la società Askari, che ha la concessione governativa per l’uso di elicotteri militari per il soccorso civile. L'elicottero era pronto all'eliporto di Skardu, con anche la disponibilità di Ali Sadpara di supportare i piloti nella ricognizione. Ali, che è stato compagno di cordata di Nardi, ha salito il Nanga Parbat nell'inverno di tre anni fa insieme a Simone Moro e ad Alex Txikon.

L'elicottero però non ha potuto decollare a causa della chiusura dello spazio areo, istituita in seguito alle tensioni tra Pakistan e India, che proprio nelle ultime ore si sono riacutizzate.

Gli ambasciatori italiano e inglese stanno chiedendo al governo del Pakistan l’invio in via eccezionale dell’elicottero al campo base. E da Islamad si è messo in viaggio l'alpinista pakistano Karim Hayat, compagno di spedizione fino a fine gennaio di Nardi e BallardPer tutta la giornata la montagna è stata monitorata minuto per minuto, ma fino a questo momento i due alpinisti non sono stati avvistati.

Daniele Nardi è un "veterano" del Nanga Parbat, che ha tentato di scalare più volte in invernale. Nell'ultima comunicazione, che risale al pomeriggio di domenica 24 febbraio, i due alpinisti avevano detto di essere a campo 4, a 6.000 metri di quota, sulla via dello Sperone Mummery.

Correlati

Confortola rinuncia al Nanga Parbat

Confortola rinuncia al Nanga Parbat

La spedizione dell’alpinista valtellinese si è conclusa ed è sulla strada verso Islamabad. «Purtroppo il mio ritmo non mi ha permesso di arrivare in ...

Articolo
Confortola, acclimatamento sul Nanga Parbat

Confortola, acclimatamento sul Nanga Parbat

L'alpinista di Valfurva ha iniziato l'acclimatamento, trascorrendo due notti a Campo 2 del Nanga Parbat. Marco Confortola è ripartito da ciò che ...

Articolo
A Valfurva serata con Marco Confortola

A Valfurva serata con Marco Confortola

Marco Confortola, alpinista, guida alpina internazionale e formatore per la scuola di Tec Bosch, torna a incontrare i suoi compaesani giovedì 11 agosto nella ...

Evento
Confortola: La sicurezza prima di tutto

Confortola: "La sicurezza prima di tutto"

Dopo la decisione di rinunciare alla vetta del Nanga Parbat, l'alpinista di Valfurva ha scritto una lettera al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontata ...

Articolo