Articolo

Bruntino, il vigneto è il cuore dell'agri-ristorante

02 Settembre 2019 / 18:50
0
0
373
Articolo

Bruntino, il vigneto è il cuore dell'agri-ristorante

02 Settembre 2019/ 18:50
0
0
373

Non è semplice parlare di Casa Virginia, palazzina che include svariate attività enogastronomiche, creata di recente a Bruntino di Villa d’Almè, in provincia di Bergamo, da Antonio Lecchi, reduce dalla trentennale gestione del noto locale Rustico-Villa Patrizia a Petosino di Sorisole. C’è il ristorante (anzi, per essere più precisi, l'agri-ristorante), c’è la cantina, ci sono le sale per eventi e cerimonie, c’è la produzione in proprio di salumi, farine per polenta, confetture, c’è persino una linea di prodotti di bellezza e cosmesi realizzati con estratti di vinacce. Il tutto inserito nel bucolico paesaggio delle colline bergamasche.

Lecchi è un poliedrico personaggio del mondo enogastronomico bergamasco. Cuoco (o cuoco-contadino, come si è autodefinito), maître di sala (sorretto da un’eccezionale memoria, è in grado di ricevere le ordinazioni al tavolo da gruppi di 10-12 clienti senza l'ausilio di alcun appunto scritto, e ricordandole tutte), vignaiolo, enologo e sommelier di vaglia, e chi più ne ha più ne metta. Casa Virginia è il suo capolavoro (nel lavoro è come sempre affiancato dalla sorella Patrizia e dalla moglie Floriana) e il locale merita senz’altro una visita, anche per la singolarità degli ambienti che vanno dagli spazi per l’aperitivo accanto alla ricca cantina alle grandi e ariose sale dei piani superiori dove si pranza o cena. Lecchi è sempre pronto a dare un suo consiglio al cliente, attingendo dalla sua vasta cultura ed esperienza enogastronomica.

Il cuore dell’eclettico Lecchi batte però soprattutto per il vino – questa almeno è l’impressione – e Tenuta Virginia, i vigneti avviati a Bruntino e ad Ambivere, sono sicuramente  l’essenza della Casa. La produzione è di 20 mila bottiglie tra Merlot, Shiraz, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Pinot Grigio, Chardonnay, Manzoni bianco 6013. Tutti prodotti dai nomi particolari e dalle curiose presentazioni, come, per fare un esempio, il VioLino, dedicato al padre Lino. Lo Shiraz è la vera novità e Lecchi ha ottenuto dalla Regione Lombardia il permesso di coltivare questo vitigno in terra bergamasca. Con risultati davvero notevoli. Ma accanto al “vino della casa”, per il cliente che vuole spaziare dall’Italia alla Francia e agli altri Paesi enoici, c’è una cantina ricca di pregiate etichette.

Anche a tavola, nell’agro-ristorante, il livello della cucina è elevato, sia nel menù di terra che in quello di mare, con piatti tradizionali che affiancano quelli innovativi e con una cura del dettaglio che non passa inosservata. Ed è molto buono il rapporto qualità-prezzo, fattore che non infastidisce mai il cliente.

Correlati

Nella Bergamasca due giorni di musiche e canti folkloristici

Nella Bergamasca due giorni di musiche e...

Nella Bergamasca si tiene la Rassegna nazionale di musiche e canti folklorici ed etnici. Per la prima volta in Lombardia la manifestazione che riunisce le ...

Evento
Bruntino, il vigneto è il cuore dell'agri-ristorante

Bruntino, il vigneto è il cuore dell'agr...

Non è semplice parlare di Casa Virginia, palazzina che include svariate attività enogastronomiche, creata di recente a Bruntino di Villa d’Almè, in provincia di ...

Articolo
Lo Scrigno delle Alpi Orobie a Villa D'Almè

Lo "Scrigno delle Alpi Orobie" a Villa D...

Lunedì 19 novembre alle ore 20:45 presso la Sala Consigliare del Comune di Villa D’Almè lo “Scrigno delle Alpi Orobie” si riaprirà per ...

Evento
L'Eco café ad Almè, c'era anche Orobie

L'Eco café ad Almè, c'era anche Orobie

Ecco le immagini della domenica di festa, l'8 aprile ad Almè (Bergamo), con "Colori di Primavera". Iniziativa alla quale erano presenti anche L'Eco ...

Articolo