Articolo

Il Cai Bergamo raccoglie fondi per gli ospedali

11 Marzo 2020 / 13:45
0
3
626
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Il Cai Bergamo raccoglie fondi per gli ospedali

11 Marzo 2020/ 13:45
0
3
626
Scritto da Redazione Orobie

Sospese tutte le attività e chiusa la sede al Palamonti, ha devoluto 10.000 euro al Papa Giovanni XXIII e al Bolognini di Seriate, invitando soci e amici a partecipare alla sottoscrizione. Rinviata l'assemblea annuale ordinaria.

Le sezioni e le sottosezioni di Bergamo del Club alpino italiano lanciano una raccolta di fondi da devolvere alla lotta al coronavirus. L'iniziativa “Una montagna di solidarietà” vede un primo gesto concreto da parte del Consiglio direttivo della sezione cittadina “Antonio Locatelli” del Cai, riunito martedì sera in teleconferenza poiché è stata decisa anche la chiusura totale della sede, il Palamonti di via Pizzo della Presolana. “A fronte del grave momento che stiamo vivendo tutti – comunica il Cai di Bergamo – è stato deciso di destinare 10.000 euro a favore dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e dell'ospedale Bolognini di Seriate rivolti a sostenere professionisti, operatori e volontari che sono impegnati in prima linea per contrastare questa smisurata emergenza sanitaria”.

Il Club alpino orobico lancia “un appello rivolto a tutti i soci e amici del Cai bergamasco per partecipare a questa cordata della generosità con una donazione a favore dell'ospedale Papa Giovanni XXIII e dell'ospedale Bolognini, facendo il versamento sul conto dedicato del Cai di Bergamo: donazione con carta di credito-Paypal attraverso il sito www.caibergamo.it o tramite Iban IT25I0311111101000000040138 Ubi Banca Spa sede di Bergamo, piazza Vittorio Veneto e indicando nella causale 'Donazione per emergenza coronavirus', seguita da nome, cognome e codice fiscale del benefattore”.

Come detto, il Cai bergamasco ha sospeso tutte le attività e chiuso la propria sede (compresa la segreteria). “Anche se abbiamo deciso di fermare tutte le nostre camminate tra sentieri e rifugi di montagna – spiegano i componenti del Consiglio direttivo –, continuiamo con impegno concreto e convinto per costruire insieme una montagna di solidarietà per tutti coloro che hanno bisogno di soccorso sanitario, medico e umano. Il Cai bergamasco ha sempre avuto una sensibilità civile e responsabilità sociale per portare un aiuto alle genti di montagna e, oggi, con lo stesso spirito di squadra vuole fare un piccolo gesto di condivisione e vicinanza ai bisogni dei cittadini, nella consapevolezza di continuare a camminare tutti insieme con fiducia verso il futuro, in particolare con le nuove generazioni”.

Rinviata a data da destinarsi l'assemblea annuale ordinaria dei soci, in programma al Palamonti il 21 marzo, sta nel frattempo continuando la campagna di rinnovo del tesseramento, i nuovi soci però dovranno necessariamente attendere la riapertura della segreteria di Bergamo o delle sedi di sezioni e sottosezioni. Si può sottoscrivere la tessera Cai 2020 attraverso il sito www.caibergamo.it o con bonifico bancario. Il bollino sociale verrà inviato a casa.


Correlati

Riaperta ai visitatori l'Isola comacina

Riaperta ai visitatori l'Isola comacina

Durante lo scorso weekend sono riprese le visite all'Isola comacina.Ha riaperto uno dei luoghi più affascinanti e amati del lago di Como e ...

Articolo
Orobie Express riprenderà il prossimo weekend

Orobie Express riprenderà il prossimo we...

Sospeso per il maltempo, Orobie Express continuerà il prossimo weekend. Angelo Ferrari e i suoi accompagnatori erano arrivati fino al rifugio Laghi Gemelli.I forti ...

Evento
Essenze di fiume al Parco Oglio Nord

"Essenze di fiume" al Parco Oglio Nord

"Un programma abbandonato, ripensato e riscritto" - spiegano gli organizzatori - Ma infine eccole le nuove Essenze di fiume", le iniziative che animeranno l'estate. Restano ...

Evento
Trail, altri inevitabili arrivederci

Trail, altri inevitabili arrivederci

Purtroppo altre gare e manifestazioni cancellate alla luce dell'emergenza sanitaria.Dopo 7 edizioni la ZacUp si ferma."Ci prendiamo una pausa per sederci ...

Articolo