Articolo

La preoccupazione dei maestri di sci

04 Dicembre 2020 / 17:08
1
0
520
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

La preoccupazione dei maestri di sci

04 Dicembre 2020/ 17:08
1
0
520
Scritto da Redazione Orobie

L'Amsi, Associazione maestri sci italiani, e il  Collegio nazionale maestri di sci, in rappresentanza di 15.000 professionisti della neve e 400 scuole sci esprimono grande preoccupazione in seguito alle misure contenute nel nuovo Dpcm. 

Il provvedimento ha "messo ai margini il mondo della montagnasoprattutto degli sport invernali - spiegano in un comunicato - cui i professionisti della neve sono parte integrante per il ruolo "didattico" che ricoprono verso coloro, piccoli e adulti, che intendono imparare a fare propri gli sport di scivolamento, vedi sci alpino, sci nordico e snowboard". E aggiungono: "Non sono passati in secondo piano, poi, quei toni mediatici alquanto fuori "tema", a volte con retorica populista, che hanno coinvolto il mondo della montagna e del turismo invernale, in alcuni casi con una preoccupante deriva che vorrebbe fare passare fuorvianti messaggi in cui le attività dei professionisti della neve hanno unicamente scopo ricreativo sono destinate a solo pochi fortunati abbienti".

"La Scuola italiana sci - prosegue il comunicato -in questi mesi non è stata ferma: sono stati predisposti scrupolose Linee Guida, scrupolosi Decaloghi e Vademecum, condivisi con gli impiantisti, per garantire la totale sicurezza agli allievi prima, durante e post lezioni. Pertanto, in questo delicato contesto il Collegio nazionale maestri e l’Associazione Maestri di sci italiani, richiamiamo ancora una volta l’attenzione del Governo e di tutti coloro che hanno responsabilità nella gestione di questa calamità, affinché nelle prossime settimane il settore non sia nuovamente dimenticato o, peggio, ritenuto sacrificabile come in parte già avvenuto".


Commenti

Stefano Manzoni 6 mesi, 1 settimana

Sono d'accordo con i maestri di sci ! se si rispettano le regole si può fare quasi tutto ! gli sport all' aperto non possono che far bene ! serve solo regolamentare le risalite come se fossimo in un centro commerciale distanziati e protezioni individuali e molto molto buonsenso .

  • Correlati

    Cascate del Serio, annullata la prima apertura

    Cascate del Serio, annullata la prima ap...

    Il primo appuntamento della stagione era previsto per il 13 giugno. Le norme anti-Covid attualmente in vigore non permettono lo svolgimento di manifestazioni come l ...

    Articolo
    Confortola, rinviata la spedizione al Nanga Parbat

    Confortola, rinviata la spedizione al Na...

    Nulla da fare per Marco Confortola. La sfida al Nanga Parbat è stata rinviata al prossimo anno. "Dopo la cancellazione dei voli e senza ...

    Articolo
    Bike UP rinviato a ottobre

    Bike UP rinviato a ottobre

    La manifestazione dedicata alle e-bike avrebbe dovuto tenersi a giugno a Bergamo, ma per garantire la sicurezza di espositori e visitatori, è stata rinviata a ...

    Articolo
    Ambasciatore della rinascita, tour della Sicilia in mtb

    Ambasciatore della rinascita, tour della...

    Ugo Ghilardi, 64 anni, bergamasco originario di Lonno, frazione di Nembro, ci ha abituati alle imprese e ai viaggi avventurosi. Da pochi giorni è in ...

    Articolo