Articolo

Cani antiveleno contro il bracconaggio

05 Agosto 2022 / 15:15
0
2
344
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Cani antiveleno contro il bracconaggio

05 Agosto 2022/ 15:15
0
2
344
Scritto da Redazione Orobie

Parte dalla provincia di Brescia la campagna della Regione Lombardia nell’ambito del progetto europeo Life WolfAlps Eu per migliorare la coesistenza tra lupo e uomo. L’unità cinofila per contrastare il bracconaggio e salvare la fauna selvatica dai bocconi avvelenati.

Nel Bresciano, per la prima volta sul territorio della Lombardia, si procederà a portare avanti un percorso formativo per sviluppare azioni antibracconaggio attraverso un nucleo cinofilo antiveleno. I bocconi avvelenati costituiscono una seria minaccia per la conservazione del lupo e della fauna in genere. Non colpiscono soltanto i capi che mangiano il boccone mortale, ma anche tutti quegli animali che si alimentano di carcasse e vengono, quindi, a loro volta avvelenati dai resti.

L’intervento è nell’ambito del progetto europeo Life WolfAlps Eu «Azioni coordinate per migliorare la coesistenza lupo-uomo nell'areale alpino» a cui la Regione Lombardia ha aderito. Proprio per cercare di conciliare la presenza del lupo e delle persone che vivono e lavorano sulle Alpi, realizzando soluzioni condivise per garantire la conservazione a lungo termine del predatore.

«Questo progetto  - spiega l'assessore regionale all'Ambiente e al Clima, Raffaele Cattaneo  - rappresenta una prima iniziativa che mi auguro possa poi essere estesa sull'intero territorio della Lombardia. Le unità cinofile antiveleno rappresentano uno degli strumenti per il contrasto ai reati di avvelenamento. In Lombardia il lupo è presente soprattutto nelle aree alpine ed appenniniche e la Regione partecipa attivamente ai programmi di monitoraggio inseriti nei progetti europei e mette in campo da anni le iniziative finalizzate a dare strumenti che consentano una coesistenza armonica del lupo con attività antropiche come l'allevamento, l'agricoltura e il turismo».

«Sono dunque convinto – conclude Cattaneo - che l'accordo tra Regione e Provincia di Brescia rappresenti un ulteriore elemento per una corretta gestione della presenza del lupo in Lombardia». Con risorse fino a 64.400 euro, per i prossimi due anni, Regione Lombardia affiancherà Provincia di Brescia nella supervisione dell'attuazione e nel raccordo con i partner e con i carabinieri forestali, oltre a contribuire alla copertura delle spese necessarie e alla campagna di sensibilizzazione.

I fondi messi in campo servono per l'acquisto del cane, il suo mantenimento e addestramento. Ma anche per la fornitura di un pick up e del kit antiveleno e la pianificazione di interventi programmati annuali e d'urgenza quando richiesto.

Correlati

Orso filmato sulla strada in Valle Camonica

Orso filmato sulla strada in Valle Camonica

Si è trovato un orso davanti all'auto, sull'ex strada statale 345, tra Campolaro e Degna, in Valle Camonica (Brescia) ed è riuscito a ...

Articolo
Slacklining protagonista in Valtrompia

Slacklining protagonista in Valtrompia

Dopo il successo del 2021 torna, tra la valle Trompia e la valle Sabbia nel Bresciano, dal 16 al 22 agosto, il «Cchf- Cima Caldoline ...

Evento
Alla scoperta di api e apicoltura

Alla scoperta di api e apicoltura

Sulla rivista di Orobie del mese di agosto 2022 si parla anche di api e apicoltura. Ad accompagnarci è Anna Marconcini, 29 anni di ...

Articolo
Al via il festival «Voci Umane. Musei e teatro di narrazione»

Al via il festival «Voci Umane. Musei e ...

Il Parco nazionale delle incisioni rupestri a Capo di Ponte (Brescia), mercoledì 24 agosto, accoglie la grande serata inaugurale del nuovo festival «Voci Umane. Musei ...

Evento