Itinerario E

Sulla Dol da Gerola Alta al Falc

  • Escursionismo
  • 2 ore 30 minuti
15 Giugno 2018 / 11:15
0
0
2002
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Sulla Dol da Gerola Alta al Falc

15 Giugno 2018/ 11:15
0
0
2002
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Sulla Dol da Gerola Alta al Falc

15 Giugno 2018/ 11:15
0
0
2002
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Ripercorriamo insieme alla rivista Orobie di giugno 2018 la Dol-la Dorsale orobica lecchese. Sul magazine, il racconto dei quattro giorni del trekking «In Viaggio sulle Orobie» che dal 13 al 16 luglio 2017 hanno portato un gruppo di camminatori da Gerola Alta (Sondrio) fino ad Almenno San Salvatore (Bergamo). Dalla Valtellina alla Bergamasca lungo un tracciato antico di cui diversi appassionati, enti e associazioni stanno puntando al rilancio per farne conoscere la storia, l’ambiente, le persone e le comunità che lo vivono. 

Ripercorriamo la Dol, su questo sito e sulla app Orobie Active, in quattro puntate, per poter descrivere ciascuna tappa del trekking, affidandoci al racconto del giornalista Massimo Sonzogni e alle fotografie di Umberto Isman. Insieme a loro lungo il trekking alpinisti del calibro di Mario Curnis, ma anche scrittori, chef, ornitologi e musicisti. E soprattutto tanti incontri, con chi vive e lavora lungo la Dol e anche con chi si dà da fare per valorizzare e conservare luoghi, memoria e conoscenze.

La prima tappa di «In Viaggio sulle Orobie» lungo la Dol parte da Gerola Alta e si conclude al rifugio Falc. In tutto circa sette chilometri di percorso, di media difficoltà e della durata di due ore e mezza. Il dislivello da superare si aggira attorno ai 600 metri.

Si parte da Laveggiolo

Per la precisione il primo itinerario parte dalla località di Laveggiolo di Gerola Alta, in provincia di Sondrio. Una volta lasciata la macchina a un posteggio nei pressi dell’inizio del sentiero, si imbocca la strada chiusa al traffico, salendo per circa una ventina di minuti, finché non si raggiunge un bivio. Proseguendo lungo il percorso diretto verso il rifugio Trona Soliva, si attraversa il boschetto fino al punto in cui gli alberi si diradano e la strada si fa piana. Da qui, è possibile raggiungere in breve tempo il rifugio Trona Soliva.

Seguendo le segnalazioni, si prosegue poi attraverso i pascoli dai quali, più avanti, si vedrà in lontananza il lago dell’Inferno. Il sentiero sale in seguito verso la bocchetta di Trona, per poi girare intorno alla fortificazione della Linea Cadorna, che risale alla Prima guerra mondiale. Passata la bocchetta, si prosegue fino a che non si giunge a destinazione, al rifugio Falc.

La struttura (telefono 331.7884452, mail [email protected]) si trova alle pendici del pizzo Tre Signori, alla bocchetta di Varrone, a 2.120 metri di altitudine. È sorta su iniziativa dell’omonima società milanese, che nell’immediato dopoguerra ha voluto realizzare una propria capanna sociale, inaugurata nel settembre 1949. Una nuova ristrutturazione lo ha abbellito e ampliato: oltre agli spazi per la ristorazione, offre due ampi cameroni e diversi letti a castello.

Le altre tappe del trekking con Orobie sono dal rifugio Falc al Ratti Cassin, dal rifugio Lecco al Resegone e, infine, dal rifugio Resegone alla Roncola.