Itinerario MC

Con la mtb all’Alpe Corte

  • Attività in bici
  • 3 ore
07 Giugno 2019 / 09:00
0
4
4129
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Con la mtb all’Alpe Corte

07 Giugno 2019/ 09:00
0
4
4129
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Con la mtb all’Alpe Corte

07 Giugno 2019/ 09:00
0
4
4129
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Tra i monti dell’alta Valle Seriana con la mountain bike. È un team di ciclisti particolari quello che, sulla rivista Orobie di giugno 2019, raggiunge il rifugio Alpe Corte. È composto dalla medaglia d’oro di snowboardcross a PeyongChang 2018 Michela Moioli, dalla compagna di squadra Sofia Belingheri e dal direttore sportivo della nazionale italiana Cesare Pisoni. Quest’ultimo ha curato il testo del servizio, mentre le fotografie sono di Matteo Zanga.

L’itinerario si snoda tra le contrade del comune bergamasco, in un ambiente affascinante. Siamo nel primo tratto del sentiero delle Orobie orientali

All’ingresso di Ardesio possiamo lasciare l’auto nella zona di via Frua, subito dopo aver attraversato il fiume Serio, all’altezza del primo ponte che si incontra sulla destra salendo da Bergamo e che consente di entrare in paese. In pochi minuti siamo già in sella alle mountain bike, ritorniamo sulla provinciale 49 in direzione di Gromo e ci immettiamo sulla prima strada che sale a sinistra, seguendo le indicazioni per le contrade Cerete e Cacciamali.

L'inizio dell'escursione in mountain bike da Ardesio (Bergamo) al rifugio Alpe Corte. Queste fotografie di Matteo Zanga sono tratte dalla rivista Orobie di giugno 2019.

Pedaliamo affrontando qualche tornante, raggiungiamo il borgo di Cerete e continuiamo su sterrato. Circa 500 metri dopo la frazioncina la segnaletica ci porta verso destra in direzione di un’altra delle tante contrade del vasto territorio di Ardesio: Marinoni. Evitiamo così la ripida salita per Cacciamali.

L’itinerario da qui si fa davvero spettacolare, entra nella valle Canale e in alcuni tratti diventa sentiero, ben battuto e ciclabile. Si percorre il tracciato Alto Serio, toccando la baita Camnare (839 metri) e altre malghe, in un ambiente suggestivo ai piedi del monte Secco (2.266). 

Si scollina e si scende verso un’altra contrada, quella di Albareti (836 metri), dove preferiamo guadare facilmente il torrente invece di utilizzare un ponticello in legno. 

Michela Moioli mentre guada il torrente con la bicicletta (foto di Matteo Zanga per Orobie di giugno 2019)

A questo punto proseguiamo risalendo sulla vecchia strada che collegava Ardesio a Valcanale fino agli anni Cinquanta. Si tratta di una sterrata che arriva alla vecchia Rasga del Tönöla, una segheria risalente al Settecento, ancora funzionante, che sfrutta l’acqua del torrente.

Ci ritroviamo ora sul sentiero che conduce alla piazza della chiesa della frazione Valcanale da dove, su strada asfaltata, raggiungiamo l’inizio dell’itinerario nel bosco per il rifugio Alpe Corte

Sofia Belingheri durante l'escursione per Orobie

Quest’ultima parte richiede allenamento e buona tecnica di guida per poter rimanere in sella fino alla meta. Le pendenze, a tratti molto impegnative, e il terreno sconnesso mettono a dura prova le abilità di qualsiasi biker.

Guarda il video dell'escursione in mountain bike realizzato da Cesare Pisoni.