Itinerario

Valtellina, tra i meleti fioriti

10 Aprile 2020 / 10:15
0
2
1552
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Valtellina, tra i meleti fioriti

10 Aprile 2020/ 10:15
0
2
1552
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Valtellina, tra i meleti fioriti

10 Aprile 2020/ 10:15
0
2
1552
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Ai meleti in fiore della Valtellina è dedicato uno dei servizi della rivista Orobie di aprile 2020. "Mar fiorito" è il titolo del reportage curato da Maria Cristina Brambilla, autrice anche delle fotografie, mentre la scheda botanica sul melo è affidata a Simone Ciocca, che ha realizzato pure la bellissima illustrazione.

Proprio da Orobie di aprile 2020 è tratto questo itinerario, per cui si consiglia di utilizzare il treno per raggiungere Tirano e di muoversi poi a piedi o con la bicicletta. Si tratta infatti di un percorso adatto a chi ama le escursioni in mezzo alla natura, che unisce le tre aree della provincia di Sondrio dove è concentrata la maggior parte delle coltivazioni di meli: i conoidi di Sernio-Lovero, di Bianzone e di Ponte in Valtellina. Ogni zona può essere esplorata andando oltre l’itinerario, godendo a fondo dello spettacolo della fioritura. Scoprite il percorso con l'animazione di Relive:

Raggiungiamo in treno o in auto la stazione ferroviaria di Tirano. Qui è possibile noleggiare le biciclette. Attraversata la parte storica del paese, si sale da via XX Settembre fino alla porta Bormina, dove iniziamo a immergerci tra gli alberi in fiore e, seguendo le strade campestri, attraversiamo i meleti tra Cologna, Sernio e Lovero. Superato quest’ultimo si scende verso il fiume Adda, lo si oltrepassa e si pedala, in direzione di Sondrio, lungo il sentiero Valtellina che, con ottime segnalazioni e aree di sosta, ci riporta a Tirano.

Proseguiamo e, appena superato Villa di Tirano, sulla destra, si apre la seconda distesa di meleti, quella del conoide di Bianzone. Possiamo lasciare il sentiero Valtellina e salire verso il versante retico per le vie che si intrecciano tra le fioriture.

Dopo aver girovagato nei dintorni si torna sul sentiero Valtellina e si procede sempre verso il capoluogo provinciale. Restiamo in sella per circa 16 chilometri e abbandoniamo la ciclabile valtellinese subito dopo Chiuro prendendo, a destra, il ponte che scavalca l’Adda. Seguiamo via Cavour e via Mazzini e ci portiamo alla stazione ferroviaria di Ponte in Valtellina. Risaliamo nuovamente il versante retico per esplorare, questa volta, il conoide che si sviluppa tra i comuni di Ponte e Tresivio. Possiamo aggiungere una visita al caratteristico centro storico del primo, oppure ridiscendere subito alla stazione ferroviaria dove saliamo sul primo treno che ci riporta a Tirano.

I più allenati possono scegliere di ripercorrere in bicicletta il sentiero Valtellina, per 22 chilometri, fino alla località capolinea del Trenino rosso.

Scopri tutte le proposte escursionistiche di Orobie nella sezione del nostro sito web dedicata agli itinerari o grazie alla app gratuita per il tuo smartphone Orobie Active.