Itinerario E

Da Cino al monte Bassetta

  • Escursionismo
  • 2 ore 15 minuti
08 Gennaio 2021 / 09:00
0
2
525
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Cino al monte Bassetta

08 Gennaio 2021/ 09:00
0
2
525
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Cino al monte Bassetta

08 Gennaio 2021/ 09:00
0
2
525
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Insieme alla rivista Orobie di gennaio 2021 compiamo un’uscita di difficoltà escursionistica sul monte Bassetta, in Valtellina. Ci accompagna il fotografo Roberto Ganassa, autore dei testi e delle fotografie del reportage dal titolo «Cincin mozzafiato».

Siamo sul versante retico della Valtellina, nel piccolo comune di Cino (Sondrio), lungo la costiera dei Cech. Dopo aver acquistato il pass per il transito dei mezzi motorizzati alla Trattoria del pellegrino o all’agriturismo Teo, percorriamo la stretta strada agrosilvopastorale che, passando per la località Prati Nestrelli, porta a Prati dell’O (1.210 metri). 

Di rado vi si trovano neve o ghiaccio, ma nel caso, per prudenza, è meglio fare qualche passo in più incamminandosi a valle. Si parcheggia dove possibile lungo il tragitto.

Il nostro itinerario per il monte Bassetta, uno dei migliori punti panoramici della provincia, comincia dalla piazzola di atterraggio dell’elicottero a Prati dell’O. Superiamo le case in direzione ovest e proseguiamo, in piano, giungendo a una bella fontana in pietra. Poco dopo, a un bivio, proseguiamo verso il monte Foffricio (1.255 metri), ignorando le indicazioni, a destra, per il Bassetta

Circa mezz’ora di cammino su un comodo tracciato esposto al sole ci porta a incrociare, all’altezza del monte Foffricio, il sentiero Bonatti che arriva da Dubino. Anche questa è una bellissima alternativa, che richiede però molto più tempo di escursione per guadagnare la cima del monte Bassetta (1.746 metri).

Da qui prendiamo quota, in modo piuttosto deciso, fino a raggiungere il crinale che separa la Valtellina dalla valle Chiavenna. L’impegnativa pendenza è spezzata soltanto da brevi e rare spianate che aiutano a riprendere fiato. Una radura, più in alto, regala una straordinaria visuale sulla bassa Valtellina e sul lago di Como e ci separa da un’ultima rampa, oltre che dalla vetta. Incantano a nord le rocce vertiginose del sasso Manduino (2.888 metri), che dominano la valle dei Ratti. A sud affascinano, invece, il lago di Como e il monte Legnone, da dove si delinea verso est la lunga dorsale delle Orobie.

Per completare l’anello escursionistico dalla cima ci portiamo alla baita Bassetta (1.720 metri) e continuando incontriamo i resti di Prima Baita. I segnavia ci riportano, in circa tre quarti d’ora e per numerosi tornanti, a Prati dell’O dove la nostra escursione per il monte Bassetta era iniziata.