Itinerario MS

Dalla Corte al pizzo Olano

  • Scialpinismo
  • 3 ore
13 Gennaio 2023 / 11:00
0
2
897
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Dalla Corte al pizzo Olano

13 Gennaio 2023/ 11:00
0
2
897
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Dalla Corte al pizzo Olano

13 Gennaio 2023/ 11:00
0
2
897
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

È un «Fuori porta da capogiro» quello che la rivista Orobie propone sul numero di gennaio 2023. 

Il fotografo Roberto Ganassa, autore anche dei testi, racconta l’itinerario che in provincia di Sondrio raggiunge il pizzo Olano, a 2.267 metri di quota. Ma, nonostante l’altitudine non troppo elevata, la cima offre un panorama di tutto rispetto. Con un’alternativa più facile alla portata di tutti: la Motta, il dosso affacciato sulla bassa Valtellina e le valli del Bitto, fino alla casera.

Siamo nel territorio del comune di Cosio Valtellino e il punto di partenza può cambiare a seconda dell’innevamento. Di solito, dopo avere acquistato il ticket per il passaggio con l’auto, si sale fino al parcheggio in località La Corte (a 1.268 metri di altitudine), dove è si trova l’omonimo rifugio (telefono 340.3433090), aperto il sabato, la domenica e nei giorni festivi.

Il percorso si insinua nel bosco e in breve accediamo alla radura delle Tagliate (1.364 metri). Raggiunta la sommità dei prati, arriviamo a Barech (1.541 metri), altra radura con alcune baite. In alto si rientra per un breve tratto tra gli alberi, per poi sbucare su una piana appartata. 

Verso est raggiungiamo la baita, poi si devia a destra e con alcuni zigzag usciamo dal bosco approdando alla Motta di Olano (1.702 metri). Si tratta di un dossone panoramico con grande vista su tutta la valle Gerola e la valle del Bitto di Albaredo, nonché sulla bassa Valtellina e parte delle cime del Masino-Bregaglia. In evidenza c’è la mole del monte Disgrazia (3.678 metri).

Ai nostri occhi si apre anche la vista sul circolo che va dalla cima della Rosetta (2.142 metri) al pizzo dei Galli (2.217) passando per il monte Combana (2.327) e la meta, appunto il pizzo Olano.

Percorriamo i dolci dossi fino alla casera di Olano (1.792 metri) e, più avanti, con un tratto di salita marcato che raggiunge la baita della Cima, anche se spesso non la si nota perché l’itinerario passa più a destra. Ormai ai piedi della parete del pizzo, attraversiamo in direzione ovest-nordovest puntando alla sella tra i pizzi Olano e dei Galli. Attenzione: questo punto e il successivo per la vetta vanno affrontati soltanto con neve sicura.

Dopo numerose svolte su terreno ripido si raggiunge la sella. La vista si apre sulla valle Lesina e sul lago di Como. Per la vetta mancano meno di 100 metri di dislivello, ma bisogna fare attenzione a causa della pendenza. 

Spesso sono utili la picca e i ramponi, dopo di che si raggiunge la croce in ferro posta sulla cima. Nonostante la quota non sia elevatissima, il panorama è davvero molto vasto. La discesa si svolge per il medesimo itinerario.

Vai direttamente all’itinerario sull’app Orobie Active: orobieactive://content/route/22790