La nostra visita a Vette di luce

0
0
380

Abbiamo visitato la mostra nel penultimo giorno di apertura, all'Accademia Carrara di Bergamo, "Vette di luce. Naoki Ishikawa sulle Alpi Orobie" promossa in collaborazione con il Cai di Bergamo, nell'ambito di Bergamo Brescia Capitale della Cultura.  

Esposte le opere dell'Ottocento di proprietà della Carrara e del Club alpino italiano, accanto alle immagini dell’alpinista e fotografo giapponese che ha percorso i nostri sentieri, in tre campagne tra il 2022 e il 2023. Per Ishikawa si è trattato della prima volta sulle montagne europee e di un incontro inedito con le Orobie. Al suo attivo le salite a 12 dei 14 Ottomila (le ultime due realizzate proprio nei mesi scorsi), raccontate anche attraverso le fotografie

Il percorso espositivo è stato curato da Filippo Maggia e Maria Cristina Rodeschini e ha guidato i visitatori tra storia e contemporaneità, sia all’interno del museo cittadino che sul territorio. Nella pinacoteca, appunto attraverso il dialogo tra la pittura di paesaggio di tradizione ottocentesca e la fotografia di Ishikawa, oltre a due opere di arte contemporanea, la video-installazione dei Masbedo e la mappa di Matteo Rubbi.

Capitanati dal direttore Paolo Confalonieri un gruppo di abbonati a Orobie, sabato 2 settembre, ha potuto partecipare alla visita guidata, estesa anche ad alcune opere legate al paesaggio, parte del nuovo allestimento al secondo piano del museo. Presenti all'iniziativa anche il presidente del Parco delle Orobie Bergamasche Ivan Caccia; Cesare Pisoni, commissario tecnico della Nazionale italiana di snowboard; e l'illustratore Marco Dusatti


 "Vette di luce" ha previsto anche mostre spin-off con le foto di Ishikawa in diversi luoghi della provincia. Sono ancora visitabili le esposizioni al castello di Malpaga (fino al 24 settembre) e all’aeroporto di Orio (fino al 24 gennaio). Inoltre durante l'estate  in 17 rifugi del Cai di Bergamo, grazie a "La Carrara in alta quota", sono state portate altrettante riproduzioni di opere della pinacoteca

L'ultimo appuntamento sarà domenica 10 settembre con partenza alle partenza 7.30 per il rifugio Baroni al Brunone a Valbondione. Il rifugio ospiterà la riproduzione di un quadro di Tiziano Vecellio. Per partecipare occorre prenotarsi entro le 17 dell'8 settembre. Tutte le informazioni su www.lacarrara.it

Per quanto riguarda le visite di Orobie, novità in vista: seguiteci su www.orobie.it e sui nostri canali social per saperne di più