Alpinismo lecchese, il museo rinnovato

0
0
249

 Il Museo dell’Alpinismo Lecchese si presenta in veste rinnovata, grazie al riallestimento realizzato in occasione del 150° anniversario del Cai Lecco, con storie dedicate a momenti significativi dell’alpinismo locale e uno spazio riservato alle origini della sezione. L'intervento è stato curato da Alessandro Dubini e Marta Cassin.

Il progetto del Museo dell’Alpinismo Lecchese nacque nei primi anni Novanta, da un’idea del Ragno di Lecco Pino Comi. Iniziò così a  costituirsi una collezione di oggetti e documenti, donati alla Sezione Cai Lecco da alpinisti del territorio o da loro familiari. Oggi il museo è ospitato al terzo piano di Palazzo delle Paure e racconta, attraverso pannelli, tecnologie multimediali, oggetti  e documenti, oltre cent’anni di storia alpinistica lecchese. Negli ultimi anni il Museo ha ricevuto ulteriori donazioni, che hanno trovato posto nel nuovo allestimento. 

 Tra i pannelli realizzati di recente spicca quello dedicato alla nascita dell’alpinismo lecchese e a coloro che hanno dato vita al Cai lecchese: Antonio Stoppani, Giovanni Pozzi, Giuseppe Ongania e Mario Cermenati