Articolo

CORDOGLIO PER LA MORTE DI FABIO E ROBERTO SUL DISGRAZIA

04 Luglio 2016 / 15:00
0
0
502
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

CORDOGLIO PER LA MORTE DI FABIO E ROBERTO SUL DISGRAZIA

04 Luglio 2016/ 15:00
0
0
502
Scritto da Redazione Orobie

Cordoglio in tutta la bergamasca per la morte dei due alpinisti, domenica sul monte DisgraziaFabio Noris,35 anni e Roberto Rota 37, entrambi di Bergamo, condividevano la passione per la montagna ed erano spesso compagni di cordata.

Anche domenica, quando qualcosa è andato storto. Probabilmente ha ceduto il terreno o forse il piede è scivolato sulla neve marcia, mentre stavano percorrendo una cresta a 3.500 metri di quota. Uno dei due ha perso l’equilibrio e ha trascinato con sé il compagno di cordata lungo un precipizio di 300 metri che non ha concesso scampo. Una tragica fatalità, capitata sulla via Normale del Disgrazia, sulle Alpi Retiche della Valtellina. I due alpinisti erano esperti e ben attrezzati. Con loro c’erano Alessandro Rota, 27 anni, di Almè, fratello di Roberto, e Alessandro Pezzoli, 36 anni, residente in città, che però avevano scelto di non salire in vetta e di attendere i compagni al rifugio Ponti.

Fabio e Roberto lavoravano entrambi come giardinieri. Li accomunava, oltre al mestiere e all'amore per la montagna, il tifo per l'Atalanta. Fabio lascia una famiglia numerosa, con due fratelli e una sorella. Roberto lascia, oltre al fratello Alessandro, la compagna Giulia e una bimba piccola.