Articolo

Rifugio Alpe Corte, gestione ai Bonacorsi

24 Gennaio 2020 / 10:45
0
3
2567
Scritto da Redazione Orobie
Articolo

Rifugio Alpe Corte, gestione ai Bonacorsi

24 Gennaio 2020/ 10:45
0
3
2567
Scritto da Redazione Orobie

La struttura posta a Valcanale di Ardesio (Bergamo) è stata affidata dal Cai a una famiglia di Valbondione. Confermata l’attenzione per il sociale e l’accoglienza. Riapertura intorno a fine febbraio dopo i lavori di ristrutturazione.

Il rifugio Alpe Corte, posto a 1.410 metri, sopra Ardesio (Bergamo), ha una nuova gestione. La sezione Locatelli del Club alpino italiano ha affidato la struttura alla famiglia di Ivano Bonacorsi e Fiorella Rodigari, di Valbondione (Bergamo)

I Bonacorsi di Valbondione (Bergamo), nuovi gestori del rifugio Alpe Corte a Valcanale di Ardesio

I Bonacorsi subentrano alle cooperative sociali Sottosopra-Alchimia e Consorzio Fa-Famiglie e accoglienza, che commentano: «È stata una bella avventura, grazie alla quale abbiamo fatto conoscere a tante persone le bellezze della Valcanale in tutte le stagioni dell’anno. Un grande grazie va di sicuro alla nostra super squadra che ha dimostrato un’enorme passione e disponibilità. Un altro grazie va alle persone che ci sono state vicine nei vari momenti di bisogno, in primo luogo alcuni abitanti di Valcanale. Infine un grande grazie va ai nostri numerosi clienti, soprattutto a quelli più affezionati, che hanno apprezzato la qualità del nostro lavoro».

Al Cai di Bergamo erano arrivate una decina di candidature per assumere la gestione dell’Alpe Corte. La commissione composta da Cai, Comunità montana Valle Seriana e Comune di Ardesio le ha vagliate. Spiega il presidente del Club alpino di Bergamo, Paolo Valoti: «È stato tenuto conto dei progetti proposti, della provenienza territoriale e di vari aspetti. A favore dei Bonacorsi hanno giocato tra le altre cose la residenza a Valbondione, la diversificazione delle competenze personali dei componenti della famiglia, la loro passione per la montagna. Per l’Alpe Corte si apre una nuova stagione, ma nel solco della continuità per quanto riguarda l’accessibilità, l’accoglienza e il sociale. Il progetto nato nel 2007 per rendere il rifugio senza barriere di alcun tipo, non solo architettoniche, va avanti».

Ora i nuovi gestori stanno rinnovando i locali, in particolare la cucina. La riapertura del rifugio è prevista intorno alla fine di febbraio. La squadra che gestirà l’Alpe Corte è composta da Ivano Bonacorsi, 51 anni, titolare dell’impresa Edilval Costruzioni srl di Valbondione, la moglie Fiorella Rodigari e i loro tre figli Steven, 25, Michele, 23 (geometri nell’azienda di famiglia e titolari di una piccola attività agricola), e Serena, 17 (studentessa al Liceo delle scienze umane). A loro si affiancano Alessia Moraschini, con esperienza nel settore dell’accoglienza turistica, e il cuoco che già era in servizio all’Alpe Corte, Mario Simonetti.

Scopri di più sui percorsi per il rifugio Alpe Corte e Valcanale nella sezione itinerari e sull'app gratuita  Orobie Active.


Correlati

Un logo per i 150 anni della Presolana

Un logo per i 150 anni della Presolana

Le manifestazioni per celebrare il 150° della prima salita in vetta alla Presolana sono purtroppo state rinviate: intanto si pensa al logo per l'importante ...

Articolo
Più sostegno ai giovani imprenditori di montagna

Più sostegno ai giovani imprenditori di ...

Il bando promosso dal Cai di Bergamo, a favore dei giovani imprenditori, raddoppia le risorse in questo periodo difficile.L'iniziativa rientra nel progetto "Save ...

Articolo
Un tiro di parole! i giovani raccontano la montagna

"Un tiro di parole!" i giovani raccontan...

Torna anche quest’anno"Un Tiro di Parole!" concorso promosso dal Cai di Bergamo.Prende il via la seconda edizione del concorso del Cai di ...

Articolo
L’Eco café a Mapello, insieme a Orobie

L’Eco café a Mapello, insieme a Orobie

Anche la redazione di Orobie torna in piazza con L’Eco café. Domenica 13 settembre 2020, dalle 9 alle 20, parte da Mapello (Bergamo) la ...

Articolo