Itinerario E

Da Zorzino un anello per il Bögn

  • Escursionismo
  • 5 ore
13 Maggio 2022 / 11:00
1
1
1004
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Zorzino un anello per il Bögn

13 Maggio 2022/ 11:00
1
1
1004
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Da Zorzino un anello per il Bögn

13 Maggio 2022/ 11:00
1
1
1004
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Si raggiunge un angolo incantato del Sebino, sulla sponda bergamasca, con questa escursione tratta dalla rivista Orobie di maggio 2022. È la quinta puntata della serie «Paesaggi» che sta accompagnando i lettori, di mese in mese, in questo 2022. Protagonista è il Bögn: tra monti e lago, l’escursione raccontata da Cristian Riva, autore dei testi e delle fotografie, parte da Zorzino di Riva di Solto per raggiungere l’oasi naturale.

L’esperienza è di quelle che lasciano il segno: si incontrano lo smeraldo del Sebino e il verde dei boschi. Dal borgo storico agli uliveti, dai monumenti ai paesaggi mozzafiato. Di bellezza in bellezza fino all’incanto dei bastioni di roccia a spiovente sull’acqua.


Partiamo quindi da Zorzino, frazione di Riva di Solto. Parcheggiamo in uno degli spazi di via Principale. Muoviamo i primi passi in quello che era un borgo medioevale. Proseguiamo in via Castello fino a quando la strada comincia a salire, lasciando alle spalle le ultime abitazioni. Poco oltre, in corrispondenza di un cartello in legno, abbandoniamo la strada asfaltata e scendiamo a destra in direzione del Bögn. Il sentiero fiancheggia una recinzione e dei tavoli da picnic, dopodiché scende con maggior forza fino a raggiungere la strada sottostante, la ex statale 469 Sebina occidentale. La attraversiamo e raggiungiamo la riva, all’ingresso dell’area naturale del Bögn. 

Il percorso fiancheggia il lago e, passata una breve galleria, si ricongiunge con la 469. Seguiamo quest’ultima in direzione di Castro. Dopo circa 500 metri, alla santella mariana posta prima di una curva stretta, abbandoniamo la strada. Il sentiero acquista subito una forte pendenza e guadagna quota attraverso zigzag che offrono scorci panoramici sull’oasi. 

Intorno ai 500 metri di quota si incrocia il Sentiero naturalistico del Sebino che seguiamo a sinistra fino alla vicina area picnic. Risaliamo alle spalle delle indicazioni e lungo la sterrata che dopo poco si immette sul sentiero.

In circa 20 minuti si giunge alla chiesa di San Defendente (674 m), in territorio di Esmate, giro di boa dell’anello. 

Imbocchiamo la via del ritorno percorrendo a ritroso il sentiero di salita e, raggiunta l’area picnic, pieghiamo a destra per via degli Apostoli. Seguiamo in discesa la strada asfaltata, passando i tre sottostanti tornanti. Poco dopo, verso i 400 metri di quota, la abbandoniamo e pieghiamo a sinistra imboccando il sentiero che si addentra nel bosco e, con velocità, scende a via Castello di Zorzino dalla quale, facilmente, torniamo al punto di partenza.

Commenti

Andrea Agasi 1 settimana

Bellissima proposta. Grazieee

  • 1
  • 0