Itinerario E

Cammini d'acqua nella valle del Brunone

  • Escursionismo
  • 2 ore 30 minuti
17 Novembre 2023 / 20:15
0
2
1054
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Cammini d'acqua nella valle del Brunone

17 Novembre 2023/ 20:15
0
2
1054
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Cammini d'acqua nella valle del Brunone

17 Novembre 2023/ 20:15
0
2
1054
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Pochi facili passi nell’area del Monumento naturale della valle del Brunone, a Ponte Giurino, nella Bergamasca, e ci si tuffa in meraviglie già descritte a fine Ottocento dall’abate e geologo Antonio Stoppani. 

E il viaggio che la rivista Orobie propone nel numero di novembre con la società del servizio idrico integrato Uniacque spa ci porta molto più lontano: nel TriassicoFa parte della serie di reportage che il magazine sta dedicando ai «Cammini d’acqua». Ha per titolo «Dolce, sulfurea e pure salata» ed è curato da Ruggero Meles per i testi e da Marco Mazzoleni per le fotografie.

A Berbenno sono davvero facili i percorsi che la valle del Brunone, riconosciuta Monumento naturale dalla Regione Lombardia nel 2001, offre ai visitatori, tutti bene tracciati e ricchi di significati. Sono frequentabili sempre: in ogni stagione offrono paesaggi che mutano, rivelandosi interessanti. Per esempio, come già suggeriva Antonio Stoppani nel suo libro del 1876 «Il Bel Paese», in estate lungo il fiume, all’ombra della fitta vegetazione, la temperatura si mantiene fresca.

Dopo avere percorso un tratto della strada provinciale della valle Imagna, a Ponte Giurino si parcheggia in prossimità di un curvone e una serie di cartelli esplicativi consente di scegliere l’itinerario più adatto agli interessi e alle capacità del visitatore.

Cominciamo con il breve e incantevole tracciato A. È adatto a tutti, anche a famiglie con bambini, tuttavia ognuno dei 20 minuti di cammino che portano all’area picnic caratterizzata da una cascatella e dalla sorgente di acqua sulfurea, ora quasi inattiva, sono ricchi di affascinanti sorprese. 


Sono soltanto 15 metri di dislivello per 500 metri di sviluppo, però vale la pena di percorrerlo e di ammirare da vicino le stratificazioni delle scure argilliti di Riva di Solto che hanno regalato esemplari unici di fossili bene conservati.

Il percorso B è di poco più impegnativo. Si sviluppa per circa due chilometri, con un dislivello di 120 metri e richiede un’ora e mezza di facile cammino permettendo di passare per una forra dove si può vedere la roccia scavata dalle acque del torrente Brunone.

L’itinerario C1 presenta 125 metri di dislivello, uno sviluppo di circa 3,5 chilometri e richiede poco più di due ore per percorrerlo nella sua interezza. 

Impegnativo è il tracciato C che, in circa tre ore, con uno sviluppo di 4,5 chilometri e affrontando 220 metri di dislivello, consente di uscire dalla forra e arrivare in frazioni caratterizzate da belle abitazioni in pietra a vista e godere di un panorama aperto su Berbenno, prima di rituffarsi nella fitta vegetazione della vallata.

Trovi l'itinerario anche nella nostra app gratuita Orobie Active: orobieactive://content/route/23185orobieactive://content/route/23185