Itinerario EE

Garda, trekking tra lago e altipiano

  • Escursionismo
  • 3 ore
09 Febbraio 2024 / 20:15
0
0
558
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Garda, trekking tra lago e altipiano

09 Febbraio 2024/ 20:15
0
0
558
Scritto da Redazione Orobie
Itinerario

Garda, trekking tra lago e altipiano

09 Febbraio 2024/ 20:15
0
0
558
Scritto da Redazione Orobie

Il percorso

Il Parco Alto Garda è bello anche d'inverno e senza dubbio più godibile lontano dall' assalto dei turisti.

Non a caso Orobie lo propone nel numero di febbraio come seconda tappa della serie di servizi dedicati ai parchi regionali, con le immagini di Marco Mazzoleni e i testi di Michele Mauri

L’itinerario proposto permette di passare in breve tempo dalle sponde lacustri ai paesaggi collinari e di comprendere come l’isolamento di questi luoghi in passato non fosse circoscritto agli ambienti in quota, ma riguardasse anche i centri rivieraschi. Si parte da Campione sul Garda, l’unica frazione di Tremosine che si affaccia direttamente sul lago, sovrastata dalla parete del monte Cas

Lasciandoci alle spalle l’ex villaggio operaio, si prende la vecchia statale gardesana, sentiero 150. Costruita fra il 1929 e il 1931, fortemente voluta da Gabriele D’annunzio, oggi è percorribile solo a piedi. Le strette gallerie scavate nella roccia e gli scorci panoramici caratterizzano questo primo tratto.

 Si avanza fino a incontrare l’indicazione del sentiero 141. In breve tempo si scende a Porto, noi prendiamo la salita verso Pieve, raggiungibile in 50 minuti attraverso tortuosi tornanti, muretti a secco e boschi di leccio. Il sentiero è indicato per escursionisti esperti, ma non presenta particolari difficoltà. 

Fino agli inizi del secolo scorso la scoscesa mulattiera era l’unica via che collegava l’altopiano al lago e al suo porticciolo, dove giungevano tutte le merci, trasportate poi a dorso di mulo. L’isolamento terminò nel 1913 quando fu costruita la spettacolare strada della Forra, tra le più belle carrozzabili d’Europa. Comodi scalini addolciscono la salita, in alcuni punti ci sono anche dei passamano in acciaio, diversa era la situazione quando, zoccoli in mano, da qui passavano gli operai diretti al cotonificio Olcese.

Dopo avere affrontato un dislivello di oltre 400 metri, al termine della scalinata, si raggiunge la terrazza con una strepitosa vista a strapiombo sul lago e sul Baldo. Da Pieve di Tremosine si può rientrare al punto di partenza percorrendo a ritroso lo stesso percorso, prestare attenzione alla discesa, oppure prendendo il sentiero 142 fino a Pregasio, circa 40 minuti in parte su strada asfaltata, quindi il 110 che addentrandosi nella forra del San Michele riporta a Campione sul Garda in altri 50 minuti.

Complessivamente la distanza è di 8,4 km, si raggiunge un’altitudine massima di 485 metri, mentre quella minima è di 65 metri. Il percorso è per escursionisti esperti e per percorrere l’intero anello servono tre ore.

Trovi quest'itinerario anche sulla nostra app Orobie Active a questo link orobieactive://content/route/23285